Ecco il decreto del cardinale Scola relativo al governo della Diocesi durante il periodo che precede la presa di possesso e l’ingresso ufficiale del nuovo Arcivescovo

La curia arcivescovile ha pubblicato il decreto emesso in data 7 luglio 2017 dal cardinale Angelo Scola, Amministratore apostolico, che reca alcune disposizioni in merito al governo della Diocesi durante il periodo che precede la presa di possesso canonico (9 settembre) e l’ingresso ufficiale (24 settembre) del nuovo Arcivescovo, monsignor Mario Delpini.

Come anticipato dal Cancelliere arcivescovile monsignor Marino Mosconi nella comunicazione ufficiale di nomina del nuovo Arcivescovo, i Vescovi ausiliari conservano le potestà e le facoltà di cui godevano come Ordinari diocesani anche durante la sede vacante, mentre gli altri Vicari episcopali si vedono confermare in forma delegata le potestà e le facoltà di cui godevano in precedenza. Al Moderator Curiae viene assegnato il compito di Delegato ad omnia, con competenza di firma sugli atti sinora affidati al Vicario generale. Cessa la funzione dei Consigli presbiterale e pastorale, mentre proseguono nel loro mandato il Collegio dei Consultori e il Consiglio per gli affari economici della Diocesi.